novembre 30, 2011 novembre 30, 2011
Benvenuto in Vodafone!



novembre 26, 2011 novembre 26, 2011

Crisi

Proprio ora che avevo deciso di vendere il culo, non c'è nessuno disposto a pagarmi per averlo.
novembre 13, 2011 novembre 13, 2011
Sic Escort gloria mundi.



novembre 05, 2011 novembre 05, 2011
Ti odio



poi ti amo

poi ti amo

poi ti odio

poi



Ti amo
novembre 03, 2011 novembre 03, 2011

Trivia


Auguri.



Auguri alla persona più importante della Terra.





Caffè.



Oggi "l'uomo più bello della Terra"™ mi ha offerto un caffè.





Orologi.



Ho completato l'orologio più bello di tutti i tempi.

ottobre 23, 2011 ottobre 23, 2011

Un pizzico di fortuna

Ho fatto la settimana scorsa il mio primo acquisto su Ebay: un minitreppiede per la fotocamera, giusto per poterla piazzare dove voglio senza problemi con le lunghe esposizioni.

Ho pagato con la Postepay, dopo mille tentennamenti, perché non sapevo quanti soldi ci fossero su: avevo già comprato un biglietto per un concerto, un libro e una ricarica per Skype... non riuscivo proprio a ricordare quale fosse il bilancio, insomma. Però, mi sono detto, per 6,49€... probabilmente ce la faccio.

Alla fine il pagamento va bene e l'oggettino arriva sano e salvo.

Oggi un amico mi ha chiesto di comprare un libro per conto suo, quindi ho ricaricato per lui e, visto che c'ero, anche per me. Stasera sono andato al postamat a controllare il saldo.

Ebbene, dopo aver acquistato il treppiedino avanzavano... DODICI CENT! Ogni tanto 'na bottarella di culo ci vuole, ecco.
ottobre 20, 2011 ottobre 20, 2011

A proposito di autostima...

Qui c'era un vecchio capitolo sommerso dalla polvere. Sapete com'è finita? Il dirigente supremo fu trasferito dopo qualche tempo in una scuola media, in un'altra città.

Dove passo io, non cresce più l'erba.

Autostima: +∞

La persona più importante della mia vita oggi mi ha fatto il più bel complimento possibile: "Tu sei stato la mia bussola".

Come non saltare di gioia?

ottobre 18, 2011 ottobre 18, 2011

E lo so

Mi hai sfruttato. Ma io mi sono lasciato sfruttare. Perché io ho sfruttato te.

Certo, non mi è bastato, perché sono un ingordo, ma eri tu ad avere poche pretese.

E io sono un parolaio di gran valore, checché se ne dica.



(La prossima volta, quindi, pensateci... prima di sfruttarmi. O farete la sua fine.)
ottobre 16, 2011 ottobre 16, 2011

ILOV

La cosa buona è che, allontanandomi da te, ho cominciato a pensare, ad avere le mie idee, a non lasciarmi contaminare. E' tutto più lineare e meno contraddittorio nella mia mente.

Non sono ancora arrivato a capirmi del tutto, ma è sicuramente benefica la lontananza tra noi. Che fra poco diventerà un addio. Un gelido addio.

Poco fa vedevo un video che ci riprendeva insieme, nel 2008, felici. Non dimenticherò il tuo sorriso, non farò come hai fatto tu.

ottobre 14, 2011 ottobre 14, 2011

Un augurio

Che voi possiate morire tra atroci sofferenze. Potrei farvi un paragone vicino vicino, ma quello sarebbe solo il limite INFERIORE di quello che vi auguro.

Spero che lo facciate prima possibile, perché io possa vedervi mentre rantolate ed urlate, e io possa ghignare soddisfatto sui vostri poveri resti.

Confido nel fatto che ci sia un minimo di giustizia su questa povera terra e che, in proporzione a questa, la vostra immane ingordigia vi autodigerisca.

Voglio che paghiate tutto! Tutto! Per i vostri errori, per la vostra avidità pantagruelica di soldi e di potere, per i vostri mezzucci e le vostre omissioni.

Se sarà necessario, lo farò io stesso. Tanto la mia vita non vale nemmeno una carta sporca. Datemi solo il tempo di raggranellare le energie, ché ora sono un po' in ferie.

Si vis pacem, para bellum.
ottobre 13, 2011 ottobre 13, 2011
Merda di vita.
ottobre 05, 2011 ottobre 05, 2011

Amanda è libera

AKA CCCP anthem AKA Hymn AKA Nel perdono

"Non è mica semplice concorrere all'omicidio di una persona assieme a due innocenti.

Però se sei negro ti viene più facile." (cit.)
ottobre 04, 2011 ottobre 04, 2011

Disperato.

Io

non

ce

la

faccio

più.

E'

uno

strazio.

Ho

troppa

rabbia

addosso.

Aiuto.
ottobre 01, 2011 ottobre 01, 2011

Oggi studiamo geografia

Bene, ragazzi. Oggi facciamo lezione, ma non come tutte le volte. Stavolta siamo creativi!
 Vi propongo un Paese del mondo e voi dovete scrivermi le informazioni che vi chiedo sulla scheda, OK?

Cominciamo:



PAESI BASSI
 Continente: Europa
 Confini: Germania a est, Belgio a sud, Mare del Nord a nord-ovest.
 Estensione: 41.526km²
 Popolazione: 16.357.000
 Capitale: Amsterdam, con L'Aia sede del governo.
 Valuta: Euro
 Lingua ufficiale: Olandese
 Ordinamento: Monarchia costituzionale

Più difficile? Ok.

NAURU
 Continente: Oceania
 Confini: Isola circondata dall'Oceano Pacifico.
 Estensione: 21,4km²
 Popolazione: 10.000
 Capitale: Eh, beh... ma non ce l'ha, la capitale! Il governo ha sede a Yaren. Comunque un posto bellissimo :D
 Valuta: Dollaro australiano
 Lingua ufficiale: Inglese e Nauruano
 Ordinamento: Repubblica

Ancora più difficile... mi raccomando, attenti!

KOSOVO (brusio di sottofondo) (ragazzi, ve l'avevo detto) (ancora brusio)
 Continente: Europa
 Confini: Serbia a nord e ad est, Macedonia a sud, Albania e Montenegro ad ovest.
 Estensione: 10.887 km²
 Popolazione: 1.804.838
 Capitale: Pristina, ma è un capoluogo!
 Valuta: Euro, ma alcuni si ostinano ad usare il Dinaro serbo.
 Lingua ufficiale: Ehm...  Albanese e Serbo.
 Ordinamento: Ha un governo come se fosse una repubblica, si è dichiarato indipendente, ma l'UE non lo riconosce. Eddai, prof, non ci mettere in difficoltà.

Gentaglia! Non sapete che deve ancora venire il bello? (ancora brusii e mormorii, penne che sbattono...)

PADANIA (rivolta popolare in aula, sedie a terra e fogli all'aria, urla, gente che abbandona il campo, rimane solo il compagno di banco del Trota, quello che gli passa i compiti)
 Continente: Europa
 Confini: Francia ad ovest, Svizzera ed Austria a nord, Slovenia ad est e... ehm... a sud? Mar Ligure e Mar Adriatico sono sicuri, poi si vede, ecco.
 Estensione: Ma l'Emilia viene con la Romagna o no? E le Marche? Siamo sicuri che Ascoli Piceno... no, è che non voglio sbagliare i calcoli! Terni... E dov'è Terni?
 Popolazione: Beh, siam tanti. Tanti quanti? Beh, tanti. Sempre di più. Vuoi vedere? Ora scendo e li conto tutti.
 Capitale: Questa è facile: Milano! (ah, beh, se lo dici tu...)
 Valuta: Euro (se vi accettano, nell'euro, ecco...)
 Lingua ufficiale: Ital... ehm... Padano. (EH??? PADANO? E COS'E'?) Beh, è come l'italiano, sa, noi c'avevamo Manzoni, D'Annunzio, Dante... (DANTE E' FIORENTINO!) Ah, vabbè, diciamo che è come l'italiano ma con "figa" e "ciumbia" a volontà.
 Ordinamento: Repubblica federale.

- Sicuro? Ambrogio... senti... non per deluderti, lo so che sei amico del Trota, andate a pesca insieme all'Idroscalo e vi siete fatti tante seghe insieme ascoltando il Nabucco, ma la Padania non esiste.
- Verameeeeeeeeeeeenteeeeeee? (faccia da ebete con mandibola apparentemente disarticolata)
- Sì, è che non glielo posso dire al Trota, sennò glielo dice al padre e poi lo fa picchiare da Borghezio.
- Ah, prof, mica lo sapevo. E' per quello che ogni tanto viene spettinato a scuola?
- Sì, Ambrogino, sì. Era un segreto ma... per salvarti ho dovuto rivelartelo.
- Ah... ma... il sei lo prendo per questa prova?
- Ti dò otto per l'impegno, a patto che tu strappi questa scheda.
- PRONTIS(STRAP!)SIMO PROF!
settembre 29, 2011 settembre 29, 2011

Dormi, che è meglio



Dolce è il dolore che porti negli occhi,

il tuo sguardo triste mi commuove

quanto il perdersi dentro di te.
ti guardo mentre pensi ad altro

Ed il lieve infuriare di rabbia che porti
quando le cose ti vanno male

aggrappata alla fragilità.
e fai finta che tutto ti scivoli addosso

Dormi che è meglio pensarci domani
che tutto passerà, e domani sarà migliore

alla muta distanza che scorre tra noi
e non parli

quando non sei vicino a scaldare i miei sogni,
e guardi lontano

quando i sogni nemmeno son qui.
e a volte non osi nemmeno sperare

Dormi che è meglio
dormi, amico mio

dormi che è meglio
veglierò su di te

dormi che è meglio così.
perché ti voglio bene

Non immagini quanto sia dolce sfiorare
so che ce la farai

dai tuoi incerti sorrisi la felicità.
ti immagino felice

Anche solo per pochi secondi capire
ti sento vicino

che qualcosa di buono c’è in me.
perché mi vuoi bene

Dormi che è meglio
dormi, amico mio

dormi che è meglio
e veglierò su di te

dormi che è meglio per noi.
perché siamo forti

Dormi che è meglio
dormi, amico mio

dormi che è meglio
e veglierò su di te

dormi che è meglio così.
perché ti voglio bene

settembre 27, 2011 settembre 27, 2011

Senza altri commenti

(tutto questo orrore sul sito di repubblica.it di oggi!)



"Atti licenziosi, purificare l'aria"

I vescovi contro Berlusconi

Il cardinale Bagnasco invoca "azioni nobili". Senza nominare il Cavaliere, il capo della Cei condanna i comportamenti "contrari alla sobrietà richiesta dalla Costituzione". L'opposizione: "Inequivocabile". Il Pdl: "Non strumentalizzare"



Crisi, rinviati gli aiuti alla Grecia

Obama: "L'Europa è troppo lenta"

Piazza Affari chiude in forte rialzo: +3,3

LA GIORNATA Mercati in rialzo sulle voci del piano G20 da 3mila miliardi per salvare banche europee ed euro. Ma gli Usa sono preoccupati. Berlino frena sul fondo salva-Stati. Wall Street positiva. Fiducia dei consumatori ai livelli 2008

L'Italia, il prossimo birillo



Brunetta: no ai certificati antimafia ma Maroni lo stoppa

Idv: "Le cosche sono già al governo"

Audio Gratteri: "Gli sprechi sono altri"

Il ministro della PA anticipa una misura del dl Sviluppo: "La semplificazione vitamina per crescita". Opposizioni all'attacco. Confindustria Sicilia: "Colpo a libertà d'impresa".  La replica: non scompare il documento, ma l'obbligo di presentazione

Ingroia: "Deleterio e pericoloso"

Magistrato: "Non si semplifica così"



"Vendola pecca più di Berlusconi"

Ancora un'esternazione del vescovo emerito di Grosseto a Pontifex: "Basta con la caccia al premier. L'omosessualità è contronatura, meglio chi va con l'altro sesso



Tarantini e quell'affare con l'Eni: nuovi verbali

Ricatto al premier, decide il Riesame

Lavitola: "Sono pronto a spiegare su Panama"

"Cavaliere risponda..." Le firme a Palazzo Grazioli

Dopo le carte sulla protezione civile e Finmeccanica, spuntano i particolari di un nuovo interesse economico dell'imprenditore di Giovinazzo. il Tribunale decide sulla competenza territoriale e sul ruolo del presidente del Consiglio



Neutrini, festa sotto il Gran Sasso

"Altre scoperte, tagli permettendo"

Neutrini, festa sotto il Gran Sasso "Altre scoperte, tagli permettendo" Gli scienziati e i giovani precari che hanno collaborato all'esperimento del Cern lavorano a nuovi progetti. Con la spada di Damocle dei finanziamenti, e l'entusiasmo e l'allegria di chi scherza sul fantomatico "tunnel Gelmini"



Il Padrino arriva sulla supercabrio

e la gente del quartiere applaude

La festa dei Gigli, l'omaggio, i palloncini, i gonfaloni. E infine, il minuto di raccoglimento per "i nostri morti". Succede a Barra, Napoli. Con la benedizione del Parroco



Parma, gli indignati lanciano monetine

Giunta nella bufera, 4 arresti per le mense

Video Ecco lo scambio delle mazzette

Tra le persone finite in carcere - con le accuse di corruzione e tentata concussione per le mense scolastiche - anche il responsabile dei Servizi educativi (Pdl), un funzionario comunale e due imprenditori



Terra verso la bancarotta, è l'Overshoot Day

Dal 27 settembre il bilancio tra risorse rinnovabili e consumi entra in rosso. Occorrerà cominciare a utilizzare fonti che non si ricaricano, creando forti squlibri ambientali



Usa, colpiti dalla crisi vivono nei boschi

Si chiama Tent City, nel New Jersey: è una comunità di persone che si sono unite per affrontare insieme le difficoltà economiche. Nel Paese sono 46 milioni i cittadini che vivono sotto il livello di povertà
settembre 24, 2011 settembre 24, 2011

Mi manchi?





Io ho perso il conto, ormai, delle persone che mi mancano.

Perché sono andate, perché sono andato via io. O sono cambiate, o sono cambiato io. E poi, chissà perché, non ci si ritrova più.

Proprio qualche giorno fa cercavo di spingere un amico all’ammissione definitiva: “mi manchi”, detto ad una ragazza che lui crede poi un giorno striscerà ai suoi piedi.

Il “mi manchi” è schiavitù, è catena, è sangue e dolore. E’ per questo, anche e soprattutto, che non mi manca più nessuno: chi cazzo me la dà, la forza di soffrire ancora?
settembre 21, 2011 settembre 21, 2011

Un caffè per il signore. Con cianuro, grazie.

Sono entrato in un bar vicino al Comune di un paese vicino e vedo che il sindaco ha appena finito di consumare il suo caffè con altre due persone e sta andando via. Io prendo il suo posto al banco, ordino il mio caffè e prendo la bustina di zucchero di canna.

Sulla bustina c'era la seguente massima: "Far politica senza sporcarsi le mani è come farsi la doccia senza bagnarsi."

Ho sentito come un odore di pioggia...
settembre 16, 2011 settembre 16, 2011

L'ottimismo è il profumo della vita

cianuro:

te invece??? salute, famiglia, amore, amici, lavoro, soldi, fortuna ???



GG:

salute: routine

famiglia: voglio scappare

amore: mi innamoro tre-quattro volte al giorno

amici: l'amicizia s'impiccò al ramo più alto

lavoro: idem, attendo sempre QUELLA notizia

soldi: oggi sono arrivati i soldi di chembrigg

fortuna: regalò la corda all'amicizia perché per lei era troppa
settembre 12, 2011 settembre 12, 2011

Ded 2 I.O.

Chissà perchè amiamo sempre chi non lo merita, quasi che questo fosse l'unico modo per ristabilire l'equilibrio perduto del mondo. E' la più antica forma di masochismo, quella di amare chi non sa amare, e la più stupida. (O. Fallaci)
settembre 10, 2011 settembre 10, 2011

Missioni compiute

Certo due cazzate, ma...

1) Ho recuperato un applique Murano e Capodimonte, ho connesso una spina e l'ho appeso. E quella è la mia nuova luce per la scrivania. Il mio lampadario, invece, aveva perso due dei tre portalampade (ebbene sì: mi ha sputato in faccia per due volte le lampadine!), perciò l'ho cambiato: ho preso un vecchio lampadario bianco in ferro battuto, l'ho riverniciato in oro antico e poi antichizzato col verde, ho messo una bella lampada a goccia a risparmio energetico e... CHE BELLO!

2) Dopo essere andato per un'estate intera a mare di pomeriggio, ora mi godo l'abbronzatura: soltanto un'ora e mezza di sole (dalle 11.30 alle 13) e sono diventato SCURO. Far lavorare molto lentamente la melanina è una pacchia, perché tutti si stanno scolorendo e io invece mi abbronzo! :D

settembre 08, 2011 settembre 08, 2011

Nanetti

(RSVP)


Ciascuno ha uno o più nanetti dentro.

Io li ho uccisi uno ad uno.

Tanti, eh, ma quelli ricompaiono.

I miei sono cattivi, mica mi aiutano.

Mi dicono di fare cose brutte.

Suggeriscono strade brevissime.

Dritte dove sono curve.

Verticali dove sono orizzontali.

E io li ammazzo.

E mentre li ammazzo sorrido.

E mentre io sorrido, voi sorridete.

Perché mi vedete felice.

Perché mi credete felice.

Ma io ho il loro sangue tra le mani.

Per non avere il mio.
agosto 30, 2011 agosto 30, 2011

Date da ricordare

E dopo la svolta epocale del 23 agosto, posso segnare agevolmente anche il 30 agosto tra le date significative. Perché se è vero che sto cercando frutti di cui cibarmi, è anche vero che devo sempre continuare a seminare.

Grazie Doc, spero che vada tutto bene.
agosto 24, 2011 agosto 24, 2011

E il naufragar m'è dolce in questo male

Credo che le persone dopo un po' si stanchino di farsi mancare, credo che dopo un po' dovrebbero tornare e restare.

Credo che dovrebbero tirare fuori da sotto il letto tutti i ricordi che avevano messo a tacere per non farsi male, dovrebbero far parlare i silenzi che un tempo hanno soffocato con il cuscino dove ogni notte piangevano.

Credo che a chi è stato via per troppo tempo nasca dentro quella voglia di stupire chiunque, un giorno tornare cambiato che ti conosci solo te stesso, con un'armatura addosso che a colpirti il cuore nemmeno con le cannonate ci arrivano.

C'è chi è debole e il coraggio l'ha seppellito da qualche parte nella stanza di un hotel, perdendo tutto i sogni che si era nascosto nelle tasche interne della giacca, e non torna, non tornerà più.

Ci son addii che sanno farti male, che sanno come prenderti e come girare il coltello nella piaga, ti conoscono e si incastonano fra la pelle fino a che non t'arrendi a quella voglia di non smettere mai di piangere.

Ci son persone che usano solo il tempo futuro: "tornerò", "resterò", "amerò"; son quelle più imprevedibili, che te le ritrovi con un mazzo di fiori dietro la porta e il giorno dopo ti salutano dal finestrino con un fazzoletto vicino agli occhi.

Spesso ci si perde, ci si ritrova, ci si ama e ci si abbandona senza spiegazione. È accaduto e te ne fai una ragione, si accumulano ricordi in soffitta che tra un po' ti crolla sulla testa.

Credo che le persone dopo un po' dovrebbero semplicemente non partire mai, non andarsene se non con chi si ama. Restare, restare (per) sempre.


(da FB)
agosto 15, 2011 agosto 15, 2011

Festività

Oggi si festeggia l'Assunzione di Maria!



Versione A)

Almeno c'è qualcuno che lavora in questo cazzo di Paese.



Versione B)

Visto che lei è già "addentro", non è che può fare qualcosa per noi? Una spintarella, n'aiutino...



Versione C)

Sì, ma che modo di assumere maria viene festeggiato? La canna o il bong?

I comuni che ho visto

Vernazza (SP), Isole Tremiti (FG), Peglio (PU), Villetta Barrea (AQ), Fiastra (MC).

E che scompariranno.
agosto 13, 2011 agosto 13, 2011

Voce di uno che grida nel deserto

AKA Tante cose da dire ma nessuno che ascolti

Una biografia sputtanatissima fu intitolata "I miei primi quarant'anni". la mia sarebbe un'enciclopedia, una voluminosissima serie di tomi che per leggerli servirebbero quarantacinque anni. Zippati fanno tre settimane.

"La vita comincia a quarant'anni", dissero gli antichi. E allora, di grazia, mi dite che merda è quella che sto vivendo ora?

Medito di cambiare vita, nazione e persone per sfuggire a queste catene. Ci son voluti trentotto anni (quest'anno nemmeno gli auguri sul blog, cioè... che odio!) per sentirle così pesanti. Sembra anche che io abbia trovato più o meno il posto giusto, ma ci sono delle faccenducole burocratiche che mi legano ancora a questo posto infame: sto chiudendo lo studio e il proprietario probabilmente porterà per le lunghe tutte le operazioni per non perdere nemmeno un mese di affitto. Questo vorrebbe dire che non sarò libero prima di fine ottobre... un vero dramma.

Le persone più care che ho mi hanno cacato a spruzzo quando sono tornato da Cambridge. In due non mi hanno stretto nemmeno la mano, e uno di questi non mi ha salutato. D'accordo, i rapporti sono freddi, maccheccazzo! Ma io ho portato a ciascuno di loro un regalino, perché sono pazzo.

Poi ci sono persone che mi hanno intravisto da lontano e sono corse a salutarmi; ad esempio, il ragazzo di un'amica stasera mi ha regalato un sorriso stupito che mi ha letteralmente investito! E che dire degli sguardi accoglienti di altre persone che conosco a malapena? Non capirò mai la povera umanità che popola questa povera Terra.

E poi la sfiga che regna sovrana. In Inghilterra ero l'unico al quale non è stato accettato il roaming internazionale ed ho dovuto comprare una SIM britannica. Nella gita a Londra ho scordato il telefono al college (e per fortuna non è successo nulla!). Mi è caduta la gloriosa macchina fotografica, alla quale s'è staccato di netto l'obiettivo. Ne ho comprata una nuova un'ora dopo, ma il POS non accettava la mia carta bancomat, quindi ho fatto una corsa a prelevare. Ho dimenticato di consegnare la chiave della stanza e la tessera elettronica al momento della partenza; le ho spedite in busta chiusa da Heathrow mentre i ragazzi erano al check-in, ma il giorno dopo la busta è arrivata aperta senza chiave. E, dulcis in findus, il DVD che ho registrato durante le serate con la videocamera... è illeggibile.

Ora mi chiedo: cos'avrò mai fatto di tanto grave e sordido nelle mie vite precedenti da meritare tutto ciò? Sono stato l'equivalente di Scilipoti presso il Celeste Impero? Ero il lucidascarpe di Pizarro? Il dentista del Conte Vlad? Aiutatemi, se potete!
agosto 06, 2011 agosto 06, 2011

Il ponte sul fiume Cam

Sono tornato sfinito e senza pensieri. Strano come le energie fisiche e mentali siano così strettamente legate: quando ero fisicamente a pezzi, non c'erano pensieri. E non ce ne sono tuttora.

Ho perso cinque chili in quattordici giorni, fatto mezze maratone a London City, trascinato ciurme di animali appena minorenni per le strade di Cambridge, mi sono sdraiato sui prati, ho messo fine al diluvio universale e sono sopravvissuto ad una marea di piccole sfighe ed importanti dimenticanze grazie ad uno spirito di adattamento che credevo perduto.

E' facile vivere ovunque altrove. E' difficile invece costruirvi la propria casa.

Non ho radici e non ne avrò mai. Forse è questa la mia più grande forza.
luglio 20, 2011 luglio 20, 2011

Treno in transito

Attenzione! Espresso per Napoli delle ore 00:10 in transito. Allontanarsi dalla linea gialla. Ripeto, allontanarsi dalla linea gialla.

NO! NON DA QUEL LATO!

E' che volevo vederlo da vicino quel treno. Ma non da dentro, non volevo salirci sopra. Io volevo vedere come si incastravano le ruote sui binari. Molto da vicino. Mentre era in movimento. Portandomi altrove.
luglio 16, 2011 luglio 16, 2011

Eccesso di intelligenza

Soffro di una grave malattia: eccesso d’intelligenza… o come dire dismisura o trapassamento del giusto mezzo. Che sventura! Mi manca quella soda, compatta stupidità che ti colloca un uomo nella vita, te lo fa stare fermo su tre idee sempre le stesse e prese in accatto, e del quale si dice con ammirazione che quello là sa quello che vuole.

Ma io che non voglio niente? Per forza. Per colpa di questa malattia che non lascia ombre all’illusione, ma in un baleno ti scopre tutti gli aspetti delle cose, te le fa vedere e dentro e fuori, e non solo come sono ma come erano e come saranno; te le sminuzza, te le frantuma, te le polverizza, te le annienta… e che fare, che combinare in un mondo nel quale ti pare che tutto è niente?
[A. Savinio]
luglio 04, 2011 luglio 04, 2011

La fine

Non credo di farcela. Le mie capacità sono assolutamente sottodimensionate rispetto a quello che richiede questa guerra.

Mi arrendo.
giugno 18, 2011 giugno 18, 2011

Primo bagno, vecchi mostri

Sono appena tornato dal mio primo bagno al mare della stagione e c'è già un florilegio di mostri che fa passare la voglia di andarci.

Avvistati nell'ordine:

- coppietta di fidanzatini che, immersi nell'acqua fino alla cintola, si difendono dal freddo in modo inconsueto: lui cinge strettamente lei di spalle e comincia a ravanare nel davanti delle sue mutandine; lei geme "no no no..." (sì, certo, e io sono Carolina di Monaco!);

- mega rumena taglia conformata che fa il bagno con reggiseno color carne non foderato e bermuda scuri;

- micro gemellini di cittadinanza imprecisata che, a riva, lottano con le onde in bermuda, ciabatte stringate e calzini di lana.

Insomma, se chiudevi gli occhi, si stava benissimo.
giugno 17, 2011 giugno 17, 2011

Viaggi

Amsterdam o Edimburgo?



(Hint: zoom out...)

Minchia che schifo!

Girando per la rete, ho trovato alcune iniziative che riguardano la mia città. Niente mi fa più ribrezzo, tra false ricostruzioni che assurgono a Verità per boccaloni e falsi esperti che si raccontano tra loro cos'è meglio per aiutare la gente. L'approssimazione regna sovrana e NON C'E' MODO di cambiare lo stato dell'arte.

Cioè, veramente, io mi vergogno di appartenere a questa terra, un tempo generosa, ora strozzata nelle mani di affaristi di quart'ordine.

E non ci sono parole per descrivere lo schifo: ogni volta che elenco le cose che non vanno, mi incazzo per la mia carenza lessicale. La merda è merda, punto. I figli di puttana sono figli di puttana, a-ri-punto.

La mia tristezza e la mia rabbia sono altrettanto ineffabili.
giugno 16, 2011 giugno 16, 2011

Mutazioni

I cambiamenti sono sempre tragici per un abitudinario come me.

Chissà quanto pagherò per aver detto "sì" ieri. Ma se non l'avessi fatto mi sarei pentito amaramente; la speranza è sempre quella che mi vengano ripagate le sofferenze.

E magari di "guadagnare" qualcosa, alla fine.
giugno 14, 2011 giugno 14, 2011

Uomini col ciclo

Evitateli come la peste.
giugno 12, 2011 giugno 12, 2011

La mia vittoria personale

Oggi sono riuscito a mangiare le pappardelle al ragù senza farmi nemmeno una macchiolina sulla maglietta bianca!

Next level: camicia di seta ecrù.
maggio 24, 2011 maggio 24, 2011

AHAHAHAHAHAHAHAHAH!

Via di quaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

Di corsaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

A breveeeeeeeeeeeeeeeeee!


Salutatemi 'sta merda di paese. E anche 'sta minchia.
maggio 23, 2011 maggio 23, 2011

Estremo disagio

Vivo in italia e me ne vergogno. Ho a che fare con italiani a malincuore. Devo scappare e lo farò, lo giuro. Dall'italia o dal mondo.

Mi fanno schifo i giochetti che fanno alcuni "amici", come se fossi così scemo da farmi incantare da quattro mossette. E' finita, sappiatelo.

Il mondo del lavoro è una merda. La politica lo è di più. Ma non si capisce se è l'origine del contagio o ne è l'effetto.

Forse solo la mia gatta, o un gatto qualunque, può suscitare in me buoni sentimenti.Nemmeno la musica mi salva più. Nemmeno una birra.

Ora voglio soltanto innamorarmi di qualcosa o di qualcuno, perché se è vero che la vita fa schifo, è anche vero che senza passione non funziona un cazzo.
maggio 17, 2011 maggio 17, 2011

Tribuno politico

Non posso esimermi dal fornire un mio personale parere sulle ultime elezioni amministrative, sia perché percepisco un lieve refolo di aria nuova in Italia, sia perché mi piace pensare che questa cosa continuerà fino a diventare uragano.

Questo sarà ora uno dei problemi del centro sinistra: riconoscere le diversità, smetterla con le polemiche, sostenere lealmente tutti i candidati, sia che si tratti di Piasapia vicino a Vendola, sia che si tratti di Merola, espresso dal PD, sia che si tratti di De Magistris, vicino alla Italia dei valori, sia che si tratti di una donna o di un uomo indicati da Rifondazione, dai Verdi, dal terzo polo, da Futuro e libertà, da Grillo e dalle sue liste che comunque hanno conquistato consensi di cittadini che reclamano diritti fondamentali e che non possono essere liquidati come persone "moleste e sgradite".

Non è questo il momento di restare impigliati nelle logiche di schieramento e di appartenenza, naturalmente tale principio deve valere per tutti, nessuno escluso. Per una volta cerchiamo davvero di essere davvero all'altezza della situazione e di mettere al centro l'interesse generale, la necessità di liberare l'Italia dall'incubo che la tormenta e pregiudica il suo futuro.


Queste le dichiarazioni di Giuseppe Giulietti di Articolo21.

Io ho un dubbio che mi lacera. Non sarà mica che il vero problema del centrosinistra, una volta al potere, sarà quello di pagare le cambiali ai sostenitori dell'ultima ora? I miei bravi quattro lettori obietteranno che s'è sempre fatto e si farà così forse fino alla fine dei tempi. Però dico che non si può sempre continuare in questo modo: se è vero che i grillini aumentano, che i cittadini che reclamano diritti fondamentali diventano più numerosi ed insistenti, è anche vero non si può dare vecchie risposte a nuove domande.

Che senso ha eleggere Pisapia, De Magistris, Vendola, Zedda, se i meccanismi devono funzionare allo stesso modo, richiedendo lo stesso olio e lo stesso carburante?

Le alleanze a livello locale rischiano di essere acqua sul fuoco del cambiamento. Stiamo attenti e vigiliamo.
maggio 15, 2011 maggio 15, 2011

Compresse di saggezza

- I peccatori bruceranno all'inferno!!!
- E gli altri?
- "gli altri" chi?


Siate sempre felici per le disgrazie altrui.
1) Non c'è motivo di aspettarsi niente di diverso da loro.
2) Avrete sempre una ragione per gioire.


Non cercate fortuna guardando per terra. Potrebbero sfuggirvi gli asini che volano! Dicono che avvistarli porti fortuna...


Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Verissimo: ad ogni sfiga corrisponde una maledizione uguale e contraria.



Per ora è tutto. Ora voglio semplicemente dormire MOLTO a lungo. MOLTO.
Adieu.
maggio 14, 2011 maggio 14, 2011

Non avrei dovuto farlo ma l'ho fatto

Piastra 1: Microchip emozionale.

Piastra 2: L'eclissi.

Piastra 3: Eden.


Play.


Shuffle.


Orgasmo.
maggio 09, 2011 maggio 09, 2011

Oggi compio 15 anni

Fatemi gli auguri, Sudditi!

maggio 08, 2011 maggio 08, 2011

Dove sei stato?

Un vecchio meme che ritorna per la sua terza puntata. Qui la prima...

Piemonte: Torino.

Liguria: Ceriale, Genova, Lavagna, Cavi di Lavagna, Sestri Levante, Manarola, Riomaggiore, Recco.

Lombardia: Como, Canzo, Assago, Milano, Monza.

Trentino Alto Adige: Bolzano, Costalovara del Renon.

Veneto: Verona.

Emilia Romagna: Modena, Vesale, Vignola, Sestola, Bologna, Cervia, Faenza, Riccione.

Toscana: Firenze, Empoli, Siena.

Marche: Pesaro, Urbino, Urbania, Fermignano, Sant'Angelo in Vado, Sarnano, Sassotetto, Tolentino, Abbadia di Fiastra.

Umbria: Passignano sul Trasimeno, Perugia, Assisi, Santa Maria degli Angeli, Spello, Trevi, Fonti del Clitumno, Spoleto, Orvieto, Cascata delle Marmore, Otricoli, Castelluccio di Norcia.

Lazio: Roma, Genazzano, Castelgandolfo, Rocca di Papa, Frascati.

Abruzzo: S. Demetrio ne' Vestini, Pescasseroli, Villetta Barrea, Campo Imperatore.

Molise: Termoli, Campobasso, Ripalimosani, Ferrazzano, Casacalenda, Campitello Matese.

Campania: Aversa, Caserta, Mugnano di Napoli, Napoli, Torre del Greco, Pompei, Boscotrecase, Angri, Sant'Egidio del Montalbino, Vietri sul Mare, Salerno, Sant'Agata dei due golfi, Capri, Anacapri, Sant'Antonio Abate, Benevento, San Giorgio del Sannio, Agropoli, Casalvelino, Marina di Ascea, Materdomini, Caposele, Santa Maria a Vico, Vallata, Acciaroli, Pozzuoli, Castellammare di Stabia, Gragnano, Scanzano di Stabia, Agerola, Grottaminarda, Nocera Inferiore, Sarno, Ercolano, Torre Annunziata, Avellino.

Basilicata: Matera, Lago di San Giuliano, Melfi, Laghi di Monticchio, Rionero in Vulture, Palazzo San Gervasio.

Calabria: Villapiana, Paola, Diamante, Lago di Cecita, Camigliatello Silano, Rocca Imperiale.

Sicilia: Monreale, Palermo, Catania, Acireale, Aci Castello.



Puglia:

Foggia: Isole Tremiti, San Severo, San Giovanni Rotondo, Foresta Umbra, Manfedonia, Lucera, Foggia, Stornarella, Cerignola.

Barletta-Andria-Trani: San Ferdinando di Puglia, Trinitapoli, Margherita di Savoia, Canosa di Puglia, Barletta, Trani, Bisceglie, Andria, Minervino Murge.

Bari: Corato, Molfetta, Giovinazzo, Santo Spirito, Palese, Ruvo di Puglia, Terlizzi, Palo del Colle, Bari, Modugno, Poggiorsini, Gravina in Puglia, Altamura, Santeramo in Colle, Cassano delle Murge, Acquaviva delle Fonti, Casamassima, Sannicandro di Bari, Mariotto, Toritto, Palombaio, Quasano, Mellitto, Noicattaro, Rutigliano, Triggiano, Adelfia, Capurso, Carbonara, Polignano a Mare, Torre a Mare, Castellana Grotte, Conversano, Alberobello, Bitonto.

Brindisi: Fasano, Ostuni, Cisternino.

Taranto: Castellaneta Marina, Sava.

Lecce: Lecce, Galatone, Galatina, Soleto, Gallipoli, San Cesario di Lecce, Copertino, Lequile, Ugento, Torre San Giovanni, Lido Marini, Otranto, Zollino, Sternatia.

C'è un medico in sala?

Io ho trascorso quest'inverno, diciamo da fine novembre a metà aprile, entrando e uscendo da forme influenzali o raffreddori più o meno marcati e potenti. La dottoressa pensava a qualcosa di serio, tant'è vero che mi ha proibito di fare vita sociale e di praticare sport (e io le ho risposto: "Dottore', sullo sport non ci sono rischi di alcun tipo, con me!").

Non sono l'unico: mi raccontava un'amica che è da più di un mese che ha la febbre e non sa cosa la provoca; un altro amico ha contratto una "cosa" parainfluenzale che poi è diventata batterica, poi hanno riconfermato che era solo virale ma prendendo un antibiotico è scomparsa (!!!).

Cioè, ma che sta succedendo?
maggio 07, 2011 maggio 07, 2011

La stupidità di un ragazzo

Il mio PC ha ancora il drive da per floppy disk da 3.5 perché nella mia vita passata avevo imbastito un florido baratto di giochi e cazzate varie con i miei compagni di università. In uno scaffale è conservato uno scrigno con una trentina di floppy con dentro cose incredibili, roba da retrocomputing spinto, tipo una versione di Autocad in BEN DUE FLOPPY!

Uno di questi dischi contiene 107 file scritti in Wordstar 7.0, poi convertiti malamente in un preistorico Word: sono lettere spedite ad amici in varie parti d'Italia nel periodo 1994-1997.

Ho sempre scritto le lettere prima al PC e poi le ho trascritte a mano, perché sono sempre stato piuttosto disordinato nell'esprimere i miei pensieri nella scrittura; questo escamotage quindi mi permetteva di inviare lettere scritte in bell'ordine e senza cancellature.

Ebbene, ho avuto la splendida idea di aprire alcuni di questi file e di leggerli. La reazione è stata di estremo disagio. Ma chi ero? Come potevo essere così STUPIDO? Giuro che non conosco più quel ragazzo, non condivido praticamente nulla di quello che scriveva, e se l'avessi avuto davanti adesso, l'avrei preso sicuramente per il culo a vita!

Ho provato solo un po' di tenerezza per i sentimenti sinceri che animavano quelle lettere - fortunatamente, nei confronti di alcuni dei destinatari, non è cambiato nulla. Certo, molti li ho persi per strada (vedi l'urbinate, un vero Diamante), ma alcuni sono ancora nel mio cuore e li sento ancora.

Li ho ricopiati sull'hard disk, perché è un peccato perderli, ma letti una volta, li seppellirò in un DVD di backup e amen.
maggio 04, 2011 maggio 04, 2011

Al colto e all'inclita

- Ho capito, giovincello dalle grandi ambizioni, dalla faccia discutibile e dallo stile omologato: you wannabe figo, a tutti i costi. Ma non puoi permetterti la pancetta. No. Ci saranno giusto un paio di persone - dai, forse tre - alle quali "dona". A te no, piccolo scorfano presuntuoso!

- Jamal K. Malik, A ME!
maggio 02, 2011 maggio 02, 2011

Feisbuc e le perle di saggezza

Non è mia ma avrei voluto scriverla io! :)


Chiesi: "Uccidi il capo di quegli idioti." Morì Giovanni Paolo II.

Dissi: "No, quello basso". Ci lasciò il nano del Guinness.

Allora specificai: "Quello pedofilo". Se ne andò Michael Jackson.

Insistetti: "Il criminale che parla coi videomessaggi." Ucciso Bin Laden.

Chiarii definitivamente: "Allora, si chiama S.B., fa affermazioni deliranti e strani riti sessuali e infinocchiando milioni di persone ha fatto i miliardi."


...giuro che a Sai Baba non avevo pensato!
aprile 20, 2011 aprile 20, 2011

De grandefratellibus

Non parlerò dell'italonipponico che ha vinto l'ultima edizione, anche se meriterebbe una minima menzione, visto che è stato uno dei concorrenti più educati e posati dal 2000 ad oggi.

Lo userò come pretesto, partendo proprio da quest'ultima informazione: undici edizioni, appunto, dal 2000.

Il concorrente più giovane finora è stato Marco Mosca, nel GF dell'anno scorso, nato nel 1991.

Mi chiedo: quando cominceranno, i genitori stessi, ad educare i propri figli in funzione dei reality show? Hanno già cominciato a considerarli prodotti da vendere, con tanto di packaging e istruzioni per l'uso?

Domanda retorica.

Una conoscente ha due figlie in età scolare. Lei avrebbe voluto che la più grande prendesse lezioni di canto da me, a OTTO ANNI, perché la bimba le chiese "mamma, ma come si fa a diventare famosi?". Io ho cortesemente rifiutato, col pretesto che non son capace di educare una voce bianca. Ora la ragazzina è alta quanto sua madre e ha già fatto ginnastica, danza, recite varie; adesso frequenta un corso di nuoto. Mancano scherma, equitazione e minigolf, anche se io propenderei per il caro vecchio uncinetto.

Particolare da non sottovalutare, direi indispensabile, per comprendere la brama di successo: la famiglia si puzza di fame (non fatemi essere cattivo), ha un mutuo trentennale sul groppone e la fine del mese la vedono col binocolo.

Grazie, Craxi per la tua Milano da bere. Grazie, Berlusconi per la tua Italietta da Drive In. Grazie, Maria De Filippi per aver lobotomizzato una generazione. Grazie a tutti per questo lento avvelenamento.
aprile 18, 2011 aprile 18, 2011

SineCod Sedativo, Fluimucil, Clenil, Froben, Bisolvon

Giusto per non farmi mancare niente, eccomi ancora quasi vivo dopo 100 ore di tosse e raffreddore e dolori assortiti. E' la quarta volta da ottobre, con sintomi sempre diversi, ma stavolta ho deciso di non resistere ad oltranza e me la son fatta a casa.

Provate a stare quattro giorni in casa, provateci pure. Un cane che mi avesse detto: "Come stai, ciucciobbestia?", UNO! E' che vivo con mia madre, altrimenti mi avrebbe dimenticato anche lei.

E questa pare fosse solo la prova generale... ma io me ne ricorderò, a costo di incidermelo sulla pelle!

-----------------------------------

Edit del 20 aprile:

- Da cantare col ritmo di Depre:

Sinecòd / Sedatìvo Bisolvòn / Fluimucìl Clenìl Frobèn / Rinazìna e Rinogùttttt

- No, me lo sono già inciso sulla pelle, e non me lo scorderò. Troppo tardi!
aprile 17, 2011 aprile 17, 2011

Le donne sono

 (reprise)

Il pessimista pensa che le donne siano tutte puttane.

L'ottimista spera che sia vero.

Il realista sa che è così, ma non ha abbastanza soldi.

Vita longa

Anch'io vivrò 120 anni e sarò il più figo dei fighi degli ultimi 150 anni.

Qualcosa dovrà pur consolarmi per il fatto che i primi 38 sono stati 'na mmerda.
aprile 11, 2011 aprile 11, 2011

Molestie 2.0

In realtà non si tratta di stalking o simili, ma ecco qui il mio quarto di dollaro per la causa.

C'era una volta una conoscente, legata a me soprattutto per essere nati a meno di 24 ore e a più di mille chilometri di distanza. Ci siamo persi di vista per anni, soprattutto perché era amica di una persona da me detestata; poi ci siamo ritrovati, scoprendo di essere accomunati da una sfiga persistente tipo "nuvola di Fantozzi", dovuta sicuramente ad una congiunzione astrale sfavorevole in quei giorni lì.

Siamo usciti insieme due volte, nelle quali abbiamo colmato in qualche modo quella separazione pluriennale, con la promessa di rivederci più spesso; lei sentenzò solennemente: "Appena sarò più libera, mi faccio sentire io! Sai, sono sempre così occupata! Così ci vediamo, eh!".

Ora, io in questa frase ci vidi una sottile minaccia: avrai buca finché non sarò io a contattarti.

Nel giro di un annetto, denso zeppo di sfighe e controsfighe cadauno, l'ho beccata più volte in giro con amici, amiche, compagnia varia ed eventuale (leggi freak d'ogni sorta). Ma ovviamente lungi dal contattarmi. Al che ho pensato che non ci tenesse poi così tanto a me, nonostante mi mandasse di tanto in tanto qualche sms di buonanotte... ai quali non ho mai risposto.

Bene. Negli ultimi cinque-sei mesi è una continuazione: quasi ogni giorno messaggini! "Buonanotte" "Sei sempre nel mio cuore" "Visto che bella giornata?" "Ho mal di testa!". Oggi anche una sua foto, perché il 2.0 è già qui!

Qualche consiglio su come liberarmene?
aprile 05, 2011 aprile 05, 2011

Pessimismo ipercosmico

Il mio pessimismo è assolutamente più profondo di quello leopardiano (il quale mi lucida le scarpe e ne è contento) perché io ODIO le attese.

Se aspetto, sono nevrotico, irascibile, lunatico, scorbutico, superficiale e distratto. E ora sto aspettando. Ah, se sto aspettando!

(Ma siccome comunque aspetto da 37 anni di essere me stesso, questi comportamenti sono ormai affinati come lamette. Handle carefully!)
marzo 27, 2011 marzo 27, 2011

Un brivido. Anche due...

Hear me.

From the desire of being esteemed,
From the desire of being loved,
From the desire of being extolled,
From the desire of being honored,
From the desire of being praised,
From the desire of being preferred to others,
From the desire of being consulted,
From the desire of being approved,
deliver me.

From the fear of being humiliated,
From the fear of being despised,
From the fear of suffering rebukes,
From the fear of being calumniated,
From the fear of being forgotten,
From the fear of being ridiculed,
From the fear of being wronged,
From the fear of being suspected,
deliver me.

That others may be loved more than I,
That others may be esteemed more than I,
That in the opinion of the world, others may increase, and I may decrease,
That others may be chosen and I set aside,
That others may be praised and I unnoticed,
That others may be preferred to me in everything,
grant me the grace to desire it.

Amen.
marzo 20, 2011 marzo 20, 2011

Acqua! Acqua!



1) Bevete acqua del rubinetto. Se la gradite frizzante, usate le bustine!

2) Non comprate acqua in bottiglia: è pesante da trasportare, inquina PRIMA e DOPO ed è spesso di qualità peggiore di quella del rubinetto.

3) Se non voterete "SI'" al referendum del 12 giugno sull'acqua pubblica, potrete dimenticare PER SEMPRE i consigli 1) e 2).
marzo 19, 2011 marzo 19, 2011

Sorprese

Incontrare vecchi amici lontani e perdere insieme, felicemente, la cognizione dello spazio e del tempo.

...che emozione!

In vacanza sul sole, addormentarmi per ore, immaginarmi migliore di te

Attesissima dai miei miGlioni di lettori, ecco la mia personale recensione di Eden dei Subsonica.

1. Eden

L'ho ascoltata in anteprima il giorno stesso dell'uscita. Un regalo vero e proprio del gruppo, che ha messo immediatamente in streaming il brano sul Tubo.

Mi è piaciuta subito tanto perché è CALMA, suadente, il primo vero tratto di discontinuità dalla gravità de "L'eclissi". Poi però mi è venuta subito a noia, perché non c'è niente di particolare o di eccezionale.

Ascoltandola dal CD, però, ho scoperto tante piccole cose, come le vocine di controcanto e il pattern di bossanova sotto quasi tutto il brano. Mirabile!

Il video è il vero colpo di genio: spontaneo, divertente e bizzarro, è un esperimento ben riuscito di coinvolgimento dei fan.

2. Serpente

Un brano musicalmente carico ma non troppo, nel cui testo continua la simbologia del Paradiso terrestre. Amo i sette giri finali solo strumentali, sono una FIGATA PAZZESCA, roba da saltare in aria!

3. Il diluvio

Il marchio di fabbrica dei Subsonica: dentro c'è di tutto e di più. Si zompa e si urla a più non posso fino a diventare relitti!

4. Prodotto interno lurido

Certo, devo dar loro ragione per la necessità di fare un testo impegnato politicamente, ma non apprezzo "totalmente" la scelta. Musicalmente è scarno, con la dovuta eccezione di uno sclero di batteria a metà pezzo che mi fa scimunire ogni volta.

5. Benzina ogoshi

Brano bipolare: musica euforica, testo depressogeno. "E mi sembri mia madre, eccheccazzo!": GE NIA LE!

6. Sul sole

Se avessi voluto ascoltare una canzone dei Lunapop, avrei comprato un loro album. Si salva il testo, fatalista e rassegnato quanto basta per lanciarti in una fornace da fonderia per vedere più o meno com'è "addormentarsi sul sole".

7. Quando

I Subsonica hanno commesso un GRAVE errore: mettere in scaletta questo brano PRIMA de "L'istrice", così mi hanno degradato inevitabimente quest'ultima a "canzonetta". "Quando" è sicuramente il brano più intimo, significativo e strutturato dell'album. Una sola atmosfera, una sola immagine, un solo blocco emotivo e la voce di Samuel che raggiunge un'intensità strepitosa.

8. Istrice

La canzone è una delle più belle in assoluto dei Subsonica, se la gioca con "Strade", "Tutti i miei sbagli", "La glaciazione"... insomma, per me è un piccolo capolavoro. Al primo impatto è una canzone piuttosto semplice, senza troppe scosse, ma mi ha regalato tali e tante emozioni (e lacrime, complice il viaggio a Torino!) che non smetterei mai di sentirla.

Eh, e poi c'è quel capolavoro di video, che io non sono mai riuscito a vedere per intero perché sono troppo facilmente impressionabile!

9. Tra gli dei

Il baratro. Ahò, nun me piace proprio. La salto ogni volta a pie' pari.

10. La funzione

Se avessi voluto ascoltare una canzone dei Righeira, avrei comprato un loro album. Si continua a scavare. Per me questa canzone è veramente insignificante.

11. L'angelo

Mi chiedo come Samuel riesca ad andare a tempo: scansione ritmica e scansione del testo sembrano assolutamente scollegate e casuali.

Ghost Track. Questi son pazzi! Ma pazzi sul serio!

-------

Nel complesso, si ritorna alle sfaccettature di "Microchip emozionale" ma non ai suoi fasti. Dimenticate le atmosfere cupe e senza speranza di "Terrestre" e de "L'eclissi" e godete della maturità di un gruppo che ha fatto tanta strada e tanta ne farà ancora, se continua a rinnovare le sue idee, come in questo caso.

BRAVI e GRAZIE! Ci vediamo tra venti giorni!
marzo 15, 2011 marzo 15, 2011

Che strano...

Vedere la mia stanza sgombra da giubbottoni e coperte è sempre un bell'effetto. Essì, oggi sembra primavera.

Un po' in anticipo, è vero, ma fare una passeggiata sulla spiaggia con 20°C avvolto dallo scirocco e col volto frustato dalla sabbia non ha prezzo.

Ora non mi rimane che cercare un'altra spiaggia dove poter fare la stessa cosa. Così che questo posto di merda, questa gente di merda, questo paese di merda saranno solo un lontano ricordo.
marzo 11, 2011 marzo 11, 2011

Voi tre. Dico a voi!

Non sapete quanto soffro, quanta sofferenza siete capaci di generare, voi tre stronzi.

Non vi conoscete nemmeno, non sapete dell'esistenza l'uno dell'altro, eppure avete il potere di togliermi la vita.

Sembra che il mio sia puro egoismo, nel chiedervi cose che non mi spettano. Non è così. A voi non costa farmi vivere meglio.

Tu, dammi riparo!

Tu, di' soltanto una parola!

Tu, sorridimi ancora!
marzo 08, 2011 marzo 08, 2011

Piccoli piaceri 2

- Ormai LEI sa quanto costa.
- LEI? Dammi del tu.
- Ormai TU sai quanto costa.
- Io sono Regulus21.
- Piacere, Barista.
- Giusto per non sentirmi più vecchio di quanto non lo sia già!
- Dai, avrai una trentina d'anni?
- Magari!
- Trentacinque?
- A-RI-MAGARI! Ciao!

I piccoli piaceri di un nuovo taglio di capelli.
marzo 07, 2011 marzo 07, 2011

Non tutto è perduto

Ho i capelli di una lunghezza anomala: non erano così lunghi da diversi anni. Mi ero scordato la bellezza di avere il vento tra i capelli. Sì, sono pochi, ma il piacere resta intatto.

Se basta così poco per ritrovare il piacere, allora non tutto è perduto.
marzo 04, 2011 marzo 04, 2011

Vado via. Tra un po'...

Sono sempre più convinto della necessità di lasciare questo Paese (scusate la maiuscola, è l'abitudine). Ne facessero quello che vogliono, hanno già preso troppi anni della mia vita, perché io regali loro anche quello che mi rimane. Stanno saccheggiando e riducendo in frantumi la mia città, rendendola inospitale e fragile.

Quando si accorgeranno che le bare non hanno le tasche, lascerò che si impicchino al ramo più alto.
marzo 03, 2011 marzo 03, 2011

Misteri dolorosi

Ieri sera, intorno alle 23 sono andato in bagno e... con curiosità, mi sono pesato.

Sì, indossavo i jeans, ma con la dovuta approssimazione, ho notato con orgoglio di essere sceso a circa 106kg. WOW, ho pensato, è il livello della primavera scorsa, ma senza sforzo!

Stamattina ho deciso di pesarmi "al netto"; perciò, dopo aver fatto toeletta, seminudo e senza nemmeno far colazione, sono salito sulla bilancia.

ORRORE E RACCAPRICCIO, inspiegabilmente la bilancia segnava 109kg! Sono sceso con un magone addosso che metà bastava.

--------------

Tre sere fa ero al distributore automatico di benzina. Eccerto, sfrutto il risparmio del self service notturno, visto che ora un litro di benzina è più prezioso della divina ambrosia.

Sì, il display segna due tacche, ma una è praticamente vuota, e allora prima che si accenda la spia, io la precedo.

Metto cinque euro di benzina, così, per scupolo, ecco... 3.63 litri. Un salasso.

Avvio l'auto, mi immetto sulla statale... e si spegne la seconda tacca! O_o

--------------

Conclusione: CI RINUNCIO! Ma veramente...
marzo 02, 2011 marzo 02, 2011

NON SIETE STATO, VOI!

Non ho mai sentito una canzone così furiosa e vera, pensata con le palle, scritta con la pancia e cantata con la rabbia. Grande Caparezza, ci volevi tu!




Non siete Stato voi
che parlate di libertà come si parla di una notte brava dentro i lupanari.
Non siete Stato voi
che trascinate la nazione dentro il buio ma vi divertite a fare i luminari.
Non siete Stato voi
che siete uomini di polso forse perché circondati da una manica di idioti.
Non siete Stato voi
che sventolate il tricolore come in curva e tanto basta per sentirvi patrioti.
Non siete Stato voi
né il vostro parlamento di idolatri pronti a tutto per ricevere un'udienza.
Non siete Stato voi
che comprate voti con la propaganda ma non ne pagate mai la conseguenza.
Non siete Stato voi
che stringete tra le dita il rosario dei sondaggi sperando che vi rinfranchi.
Non siete Stato voi
che risolvete il dramma dei disoccupati andando nei salotti a fare i saltimbanchi.
Non siete Stato voi. Non siete Stato, voi.
Non siete Stato voi. Non siete Stato, voi.

Non siete Stato voi,
uomini boia con la divisa che ammazzate di percosse i detenuti.
Non siete Stato voi
con gli anfibi sulle facce disarmate prese a calci come sacchi di rifiuti.
Non siete Stato voi
che mandate i vostri figli al fronte come una carogna da una iena che la spolpa.
Non siete Stato voi
che rimboccate le bandiere sulle bare per addormentare ogni senso di colpa.
Non siete Stato voi
maledetti forcaioli impreparati, sempre in cerca di un nemico per la lotta.
Non siete Stato voi
che brucereste come streghe gli immigrati salvo venerare quello nella grotta.
Non siete Stato voi
col busto del duce sugli scrittoi e la Costituzione sotto i piedi.
Non siete Stato voi
che meritereste d'essere estirpati come la malerba dalle vostre sedi.
Non siete Stato voi. Non siete Stato, voi.
Non siete Stato voi. Non siete Stato, voi.

Non siete Stato voi
che brindate con il sangue di chi tenta di far luce sulle vostre vite oscure.
Non siete Stato voi
che vorreste dare voce a quotidiani di partito muti come sepolture.
Non siete Stato voi
che fate leggi su misura come un paio di mutande a seconda dei genitali.
Non siete Stato voi
che trattate chi vi critica come un randagio a cui tagliare le corde vocali.
Non siete Stato voi, servi, che avete noleggiato costumi da sovrani con soldi immeritati,
siete voi confratelli di una loggia che poggia sul valore dei privilegiati
come voi che i mafiosi li chiamate eroi e che il corrotto lo chiamate pio
e ciascuno di voi, implicato in ogni sorta di reato fissa il magistrato e poi giura su Dio:
"Non sono stato io! Non sono stato, io!
Non sono stato io! Non sono stato, io!".
febbraio 27, 2011 febbraio 27, 2011

Il paese dei balocchi

Brembate di Sopra. Esterno giorno. Un giornalista del TG1 intervista i passanti. Un anziano dice più o meno: "Non credevo fosse possibile, sono veramente costernato".

A me, in quello stesso istante, mi fumano le meningi e mi roteano le balle a turbina!

Premessa:

L'uomo è cattivo. Non c'è verso di renderci buoni. Niente, nada, niet.

Nel mondo animale non esiste specie in cui il più forte schiaccia il più debole e poi gli tromba la moglie, gli deruba il patrimonio, infierisce sul cadavere e fa di tutto per sottrarsi alla punizione. Anzi, già il fatto che l'uomo abbia inventato metodi disparati per punire i cattivi, regole sistematiche da applicare per sempre, vuol dire che l'ha capito da solo che non c'è soluzione. E non c'è religione che, per quanto frusti, accechi, imponga, prometta, soggioghi, sia riuscita a rendere migliore il genere umano.

Fumo di meningi e balle a turbina:

Non potevo trattenermi, ma manco per il cazzo, dall'urlare "STRONZO!" davanti al televisore.

Capra, ma non lo sai che l'uomo è cattivo? Hanno rotto i coglioni per anni con i casi di Cogne, Perugia, Avetrana, descrivendo con dovizia di particolari ganci di reggiseno, goccioline di sangue e particelle di materia grigia schizzata, celle telefoniche e cinture dei cinesi... A qualche centinaio di chilometri a sud, oltre il mare, c'è un beduino che falcia le folle con i carri armati e bombarda i manifestanti cogli aerei... Per non parlare dei massacri in Sudan, Iraq, Afghanistan, Ruanda... Possibile che non ti sia accorto che l'uomo è cattivo? Non ti arrivano 'ste notizie? "Non credevo fosse possibile"... guarda, ma dove cazzo vivi? Nel paradiso terrestre? Fino a tre mesi fa quel posto doveva essere ben felice, strano allora che non ne abbiamo mai sentito parlare prima! Chissà perché...

DEFICIENTE!
febbraio 26, 2011 febbraio 26, 2011

La scatola dei ricordi

Ciascuno di noi ha un luogo in cui conserva oggettini accumulati nel tempo. Ognuno degli oggetti apre un varco temporale pieno di ricordi: immagini, suoni, odori, voci, relazioni che riemergono dopo decine di anni.

Io ho due scatole: una piena di carta, l'altra piena di cosine.

Alcuni sono pezzi fondamentali del mio percorso di crescita, altri non so ricordare nemmeno da dove vengono, segno che la loro presenza in posto così sacro non è poi così giustificabile. Ma per essere lì, devono per forza essere importanti, allora rimangono nel sancta santorum senza paura.

I più belli, quelli "vedibili", sono esposti in libreria. Una bottiglia vuota di profumo, una clessidra, una bussola, due statuette a forma di gatto, un barattolo di latta, una macchinina della Polizia...

Nella scatola invece ci sono inviti alle feste, otto pacchetti vuoti di sigarette estere, 4 bracciali e 4 "tau", un anello (l'unico che abbia mai messo in vita mia), una finta lente di ingrandimento, due giarrettiere, una bottiglietta di liquore, due accendini, due penne, due matrioske, una scarpetta da bambino, un minuscolo trullo di Alberobello, una madonnina in gesso e un angelo in terracotta, tante palline, un sacchetto di sale grosso, il triscele, una girandola, delle chiavi, una pigna, una pietra, la tessera dell'autobus di Modena, un rompicapo, portachiavi, pendenti e altri ammennicoli.

Ciascuno di questi oggetti è legato ad una persona, un luogo o un'esperienza. Quella è la mia storia, la mia vita.

Un oggetto IMPORTANTISSIMO lo regalai in un modo molto particolare ad una persona che significava tanto per me (credo che poi sia andato perso lì in Sicilia...).

Mi manca solo un oggetto. Un ricordo. Una persona. Ma di lei conservo il suo cuore e un aculeo da istrice.
febbraio 25, 2011 febbraio 25, 2011

Pare facile

“Ogni persona ha dentro di sé tutte le risorse per superare i problemi che incontra”.

“Ogni storia di problemi, genera accanto a sé una storia di risorse, le stesse che servono a risolvere i problemi”. Quindi, più problemi abbiamo incontrato, più potenziali risorse abbiamo generato al nostro interno. Ciò che occorre è solo riconoscerle, svilupparle e metterle in pratica. La vita e l’evoluzione procedono così.

Noi non abbiamo bisogno di aiuti esterni sui contenuti dei nostri problemi. L’unico aiuto di cui abbiamo bisogno è sul modo in cui possiamo utilizzare i gioielli che abbiamo al nostro interno.

C’è sicuramente un ostacolo a far proprie queste convinzioni: l’idea che la vita dovrebbe essere facile, senza problemi, comoda, sicura. E se le cose non stanno così, allora ci deve essere qualcosa di sbagliato o di colpevole in noi o negli altri. Con la modernità, con la pubblicità, abbiamo sviluppato una sorta di idiosincrasia al dolore necessario, ineliminabile, che è parte della vita stessa. Trasformandolo in dolore nevrotico, cioè sterile, improduttivo.

Il dolore necessario è produttivo! E’ quello che ci indica la strada. Senza sofferenza, non c’è vita né creazione.

Ma di quali risorse stiamo parlando? Della forza fisica, della bellezza, della ricchezza, della conoscenza, del potere? No. Stiamo parlando delle risorse che ci rendono pienamente umani: amore, compassione, gratitudine, apprezzamento, gioia, entusiasmo, bellezza interiore, generosità, umiltà, dedizione alla verità.

Non importa il nome che utilizziamo: valori, qualità dell’essere, risorse, stati mentali, atteggiamenti. Noi tutti conosciamo la differenza tra una relazione basata sulla stima reciproca e sull’amicizia e una relazione basata sulla diffidenza e sul controllo. La prima ci rende contenti, ricaricati, felici, la seconda ci svuota e ci scarica. La prima è come l’acqua che fa crescere una pianta, la seconda è come la siccità che la fa appassire.

Il tipo di vita che conduciamo dipende da una sola cosa: quale tipo di relazione instauriamo con le persone più vicine, con noi stessi, con le cose che facciamo, con i problemi che incontriamo, con i pensieri che frequentiamo, con le emozioni che assecondiamo.

E da che cosa dipende la qualità di una relazione? Dipende dalle risorse che sappiamo mettere al suo servizio. Una relazione d’amore cresce o appassisce in base alle risorse interiori, alle qualità dell’anima che sappiamo investire in essa.

Quindi, essere felici o infelici dipende da una nostra scelta. E la scelta dipende dal grado di consapevolezza che abbiamo raggiunto.

Buona notizia: oggi le neuroscienze confermano le intuizioni delle antiche tradizioni sapienziali. Apprezzamento, gratitudine, compassione non sono solo pratiche di benevolenza e bontà. No, sono pratiche di intelligenza! Quell’intelligenza che è indispensabile affinché possiamo discernere con chiarezza ciò che è bene e ciò che non è bene per noi e per le persone coinvolte. Quell’intelligenza che apre le porte alla nostra intuizione e creatività, facendoci superare con un solo balzo difficoltà che ci apparivano insormontabili.
febbraio 23, 2011 febbraio 23, 2011

Attenti all'abisso!

Il mio umore è quasi sempre a terra, è difficile vedermi contento, euforico, spensierato. Di felicità è meglio che non ne parliamo, anche perché non la conosco.

Poi ovviamente ci sono i momenti "no", in cui scavo volentieri trincee per non vedere nessuno, per evitare contatti col mondo esterno.

E in casi eccezionali, non esattamente infrequenti, ci sono dei burroni, dei baratri in cui mi lancio in caduta libera per non vedere il sole, per andare più veloce dei miei pensieri verso il fondo.

Ecco, questi momenti hanno la loro colonna sonora. Mi è successo solo un paio di volte di avere il rifiuto completo perfino della musica, ma le altre volte ho sempre amato crogiolarmi in una densissima melassa di accordi e ricordi, melodie ed armonie, parole e immagini.

Immagino già le facce. "VOGLIAMO I TITOLI!"

Eccoli, il post è scritto appost:

The one I love is gone - Katie Melua
Piece by piece - Katie Melua
L'istrice - Subsonica
In the end - Linkin Park
La fine - Nesli
Lasciarsi un giorno a Roma - Niccolò Fabi
Hyperballad - Björk
Marrakesh - Pippo Pollina
Canzone sesta - Pippo Pollina
Il giorno del falco - Pippo Pollina
In this life - Madonna
Solo - Claudio Baglioni
Signor Tentenna - Carmen Consoli
Di un amore - Antonella Ruggiero
Noite e luar - Patrizia Laquidara
Agnus dei - Requiem di Fauré
Agnus dei - Missa Gaia di Paul Winter
Libera me - Requiem di Verdi
My heart is in the Highlands - Arvo Pärt
Fragosyriani - Rebetiko tradizionale

Poi ci sono canzoni che ho abbandonato nel tempo, si sono arrugginite a forza di lacrime:

Tutti i miei sbagli - Subsonica
Strade - Subsonica
Cavallo bianco - Matia Bazar
Gesù caro fratello - Claudio Baglioni
My heart calling - Noa
Lemon tree - Fool's Garden
Come Thelma e Louise - Giorgia
You must love me - Madonna
Agora - Madredeus

Non c'è una classifica della canzone più triste, ciascuna ha una sfumatura diversa. E solo cinque di esse sono in tonalità prevalentemente maggiore. In corsivo ci sono le aggiunte rispetto alla prima stesura.

Se volete esplorare i miei abissi, buon divertimento.
febbraio 22, 2011 febbraio 22, 2011

E' tornato l'arrotino

E' tornato l'arrotino
con un vecchio camioncino
sempre pronto sul gradino
tira fuori il fagottino
le scintille fa il molino
ti sistema il coltellino
lo ripaghi col soldino
è tornato l'arrotino.
febbraio 20, 2011 febbraio 20, 2011

L'Oracolo

Seguivo "Quelli che il calcio" mentre ciavattavo con il Diamante genoano. Vedo con dispiacere che la Roma sta facendo strame del Genoa: il risultato parziale è 3-0.

Poi urlano sul 3-1 ma a me viene una insopprimibile voglia di fare una passeggiata. Quindi saluto il mio amico e, anche se del calcio non me ne può fottere un quarto di funcia di minchia, gli scrivo: "Io esco a fare due passi. Quando torno, voglio vedere il Genoa che vince 4-3", perché speravo potesse gioire.

Ecco. Io soltanto i numeri al lotto non azzecco, ma 'ste cose mi fanno ugualmente scimunire. E sono felice che lui sia felice.

Amanda è libera. The end.



Vi prego. Andate al minuto 8:34 e ascoltate cosa combina la Canalis dopo l'annuncio del vincitore! :D

Ricorderemo questo festival per il tormentone russo-klezmer-salentino e per "su su su" e "giù giù giù" di Barbarossa e la Lonza; il salto, rispetto ai laghi di Scanu e dopo "Quando i piccioni fanno oh!", è sicuramente verso l'alto!
febbraio 19, 2011 febbraio 19, 2011

Amanda (ora) è libbbera

Ma prima è stata imprigionata da un cattivo cattivo musicista klezmer ammmerregano...



...e poi da un cattivo cattivo dragone francese:



Nessuno mi toglie però dalla mente che Amanda ha lontane origini RUSSE!

In memoriam

In memoriam



Parlerò di te

In una giornata lunga trenta ore

E arriverò da te

Come gli uccelli migratori

Avrò come casa il cielo

Busserò alla tua porta

Con in mano tre fiori

Saranno i miei doni

Saranno ciò che ti chiedo

Il tuo tempo

Le tue mani

La mia storia

Racconto senza fiato questo sogno

Invento piccoli particolari

Mi rivesto e volo via

Tra le ali il vento

E un'onda nel cuore.
febbraio 18, 2011 febbraio 18, 2011

Status

Facebook apre alle coppie di fatto.

Eh, sì, ma finché arriverà al mio

 Regulus21

 
è passato/a da "single" a "compilation".


ce ne vorrà di tempo!

Venerdì 18

Non è bello trovarsi in uno dei peggiori luoghi della Terra ed essere lapidato dalla grandine.

E non è bello, tornando da quel luogo verso casa, essere costretto a sperimentare che la propria auto si comporta come un hovercraft su una provinciale COMPLETAMENTE allagata per chilometri.

Sono salvo. Ma sono ancora le 14.40.

RIVOLUZIONE O FUGA?

http://www.repubblica.it/politica/2011/02/18/news/wikileaks-12597522/*

La seconda che hai detto.


*Mi vergogno perfino di scrivere il titolo!

Post-Benigni

L'italia è il Paese più bello del mondo.

E com'è che io voglio scappare via?
febbraio 17, 2011 febbraio 17, 2011

A calci nel culo!

Insegnante condannata ad un mese di carcere

La donna, che ora ha 59 anni ed è in pensione, costrinse un alunno che aveva insultato e preso in giro un compagno dandogli del gay e impedendogli di entrare nel bagno dei maschi, a scrivere "sono un deficiente". "La mia cliente - ha aggiunto il legale - non si dà pace. Si sente tradita dalle istituzioni che ha cercato di garantire anche insegnando ai ragazzi che non si devono discriminare gli altri". "Mi ha detto - ha concluso - che forse alla luce della sentenza sarebbe stato meglio non intervenire".
Di parere contrario il padre dell'alunno: "Ha avuto quello che si meritava. Doveva pagare il conto. Dopo quella punizione sono stato costretto a portare mio figlio dalla psicologo".


Cioè, veramente stiamo a fare? E una pedata con un anfibio taglia 46 in culo ai giudici, al genitore e al bulletto non la diamo? Quasi nessuno dei miei professori sarebbe a piede libero, a quest'ora, e la mia maestra delle elementari, una suora, starebbe scontando l'ergastolo in una fetida cella di un carcere turco.

Poi dicono che uno deve aver fiducia.
febbraio 16, 2011 febbraio 16, 2011

Stato confusionale

Hymn + Nel perdono  ==>  ± Amanda è libera



No, non sono in grado di fare i merge di filmati, musiche o foto. Non è proprio roba mia.

Se volete, visto che avete una grande fantasia, immaginate! :)



Andate prima al punto 0:19 di questo brano, e ascoltate per venti secondi.







Poi vi sciroppate tutto fino a 3:41... SCHERZAVO! EHI! GIU' LE MANI! Peggio di La Russa.... eccheccazzo!

Dicevo: saltate al 3:41 e ascoltate per una quarantina di secondi il ritornello.







Ora, forse, dovreste essere ancora in grado di intendere e di volere, pronti ad ascoltare il brano sentito ieri.

Esattamente dal punto 1:16. Non oltre 1:55, altrimenti vi sciroppate l'intermezzo arabeggiante... che se ne poteva fare volentieri a meno.







No, sicuramente non è un plagio, non ci sono gli elementi per dirlo. Sono sonorità "già sentite" e accattivanti.

Diciamo le stesse osservazioni che sono state mosse per anni a Ivana Spagna, Venditti, Zucchero, Pezzali... Capite cosa intendo, vero?
Perché Sanremo è Sanremo. Sessantunesima edizione.



Ho acceso in tempo il televisore, per fortuna.

Sì? Oddio... mai visto niente di più NO IO SO!

Però sono in ritardo con la telecronaca. Sono le 22.08 e andrò un po' in ordine sparso.



Le due vallette non sono ancora entrate in scena. Potevano dirlo subito che avevano un contratto part-time. La crisi, ah, la crisi.



Ma siccome quest'anno pare veramente che le canzoni siano meglio del resto, comincio subitissimo!



Giusy Ferreri - Il mare immenso

Look strepitoso, tanto da esclamare "Ah, finalmente una che non s'è rifatta le tette!". Canzone di Bungaro, che ho immaginato magicamente cantata da Patty Pravo per riuscire a farmela piacere.

Probabilmente aveva problemi con le regolazioni del microfono: o non si sentiva nulla o sembrava che l'avesse ingoiato. Ah, dite che era realmente così? CATTIVI!

Voto: 7 per la canzone, 4 per l'interpretazione (eh, il pregiudizio).



Luca Barbarossa e Raquel del Rosario - Fino in fondo

Bella canzone, orecchiabile, sentimentale, tipicamente sanremese. La voce di lui è sempre in forma e quella della signora Alonso è una bella scoperta. Non mi piacciono insieme, non si amalgamano bene.

Voto: 7.



(Ore 22.14... eccole. Beh, sono proprio splendide! Due vestiti di gran classe e look sopraffino. Sono simpatiche come dei ricci nelle mutande, ma per la situazione può andar già bene: sempre meglio di Morandi!)



Anna Tatangelo - Bastardo

No, vestita così non si può vedere. Immagino già la sua creatura "ma è la mamma quella?"... E la canzone è un po' meno d'alessiana del solito, complice un'overdose di violini nell'arrangiamento. Quasi ascoltabile.

Voto: 5.



Roberto Vecchioni - Chiamami ancora amore

Non dico un capolavoro, ma un testo ben fatto e una melodia semplice e d'impatto. Il Professore non si smentisce. Devo solo scoprire a che brano somiglia, ma per far questo ho bisogno di risentirla.

Voto: 8.



La Crus - Io confesso

E pensare che questa canzone fu presentata l'anno scorso a Sanremo da Giusy Ferreri ma poi decise di non cantarla più (Fonte: TV Sorrisi e Canzoni). Io l'avrei preso come un segno divino. Pretenziosa, troppo! Sembra dire "noi semo bbbravi e voi nun sete...".

Voto: 5.



Max Pezzali - Il mio secondo tempo

Uguale a se stesso da sempre, nel look, nella vocalità, nella melodia... Evitabile.

Voto: 4.5.



Davide Van de Sfroos - Yanez

Ritmicamente soddisfacente, la tromba è BELLA! La melodia è piaaaaaaaaaatta, e grazie al testo ho capito più o meno tutto quello che diceva (mi che sun terùn).

Voto: 6, per il coraggio.



Che hanno fatto a Luca e Paolo, li hanno drogati? Il guinzaglio è corto? Ora entrano e vediamo...

...ecco, meglio che non entravano. Il duetto Silvio-Gianfranco era terribile. Più che scontato e più che inadeguato all'occasione. Tra l'altro, su una canzone di Morandi... Che originalità!



Anna Oxa - La mia anima d'uomo

Ahò, a me me piace! Energica, da brividi, armonicamente interessante, melodicamente raffinata. Il look è come al solito sorprendente: quei capelli, quei capelli! E i pantaloni pelosi?!

Voto: 8, niente di meno.



Tricarico - Tre colori

Cazzo! Il fagotto! IL FAGOTTO! Che goduria! Solo per quello merita 10! E Mesolella? Parliamone pure!

Che bella canzone sognante e delicata, su un argomento attuale e controverso, e un arrangiamento da brividi. Forse non è propriamente sanremese, ma se non ci scolliamo dai cliché, il Festival sarà sempre la solita boiata. E invece no! BRAVO TRICARICO!

Voto: 8.5.



Morandi... Morandi... che noia! Che barba! CHE NOIA!



Emma Marrone e i Modà - Arriverà

Io i Modà non li perdono per quella estrema porcheria neomelodica chiamata "La notte".

Il brano è in stile Negramaro, un po' meno beat, un po' più raffinata... Però non è male, forse un po' gridazzata, ecco.

Voto: 6.5, ma mi vergogno.



Devo dire che il livello delle canzoni di quest'anno è nettamente superiore rispetto agli altri anni. Meno gossip sui cantanti e più musica. Mi piace! Peccato per Morandi, troppo troppo troppo lento.

La regia è misurata, senza colpi di testa. E i nuovi abiti delle due gno... ehm... vallette sono strepitosi, ma quelle anche con due stracci addosso...

Ottima la scelta di fare a meno della scala e cattiva quella di fare a meno dei fiori.



Luca Madonia e Franco Battiato - L'alieno

Catania forever. Il synth tipico di Battiato fa sempre un certo effetto e la canzone è orecchiabile, con un arrangiamento mirabile. Vedere Madonia e sapere che ora ha più di cinquant'anni, mi fa sentire decisamente vecchio, visto che lo ricordo coi Denovo come se fosse ieri.

Voto: 7.5.



Patty Pravo e il suo nido di rondini in testa - Il vento e le rose

Una signora ultrasessantenne che litiga con la tonalità della canzone (pur lineare, per non dire banale). Ecco, tutto ciò non rende merito alla storia dell'artista Patty Pravo. Perché costringerci?

Voto: 3.5.



Belen e il tango. Non male, un po' rigidina ma va. Ora facciamo recitare la Canalis.



Nathalie - Vivo sospesa

Sembra sospesa sull'intonazione giusta come un bruco di processionaria su un cavo elettrico: comunque vada, qualcuno si fa male. L'unica cosa che mi piace è l'ostinato di rullante.

Voto: 4.



La cosa di cui non riesco a capacitarmi è PERCHE' c'è un brano per ciascun ingresso degli artisti. C'è qualche collegamento? Mah...

E dulcis in findus, Albano, accolto con "ennonhoamatomai lllllavita..." eseguito al theremin. A volte ritornano. Cioè sempre.



Albano - Amanda è libera

Se non fosse starnazz... ehm... cantata da Albano, la canzone sarebbe perfino decente. E il ritornello sembra la copia di una copia: ricorda molto "Nel perdono", che a sua volta ricordava "Hymn" degli Ultravox. Non capisco l'intermezzo mediorientaleggiante. Mah.

Voto: 6 per la canzone, 3 per l'interpretazione.



Pronostico: eliminati Oxa e La Crus. Per me potrebbero andar via Patty Pravo e Nathalie.
febbraio 14, 2011 febbraio 14, 2011
(COGLIONE!)



Non sei riuscito a concludere nulla

non sei riuscito a farti rispettare

non sei riuscito a non fare cazzate

non ci sei riuscito!



Non sei riuscito mai a cambiare

non sei riuscito a non vomitare

non sei riuscito perché non ti applichi

non sei riuscito a finire gli studi

non sei riuscito a diventare qualcuno

non ci sei riuscito!



Non sei riuscito a cogliere l'occasione

non sei riuscito a svoltare

non sei riuscito a farmi stare meglio

non ci sei riuscito!



Non sei riuscito a fare come tutti gli altri

non sei riuscito a darci un taglio

non sei riuscito ad essere puntuale

non sei riuscito a farmi venire

non ci sei riuscito!

BASTARDO!
febbraio 13, 2011 febbraio 13, 2011
Istrice



La più bella canzone in assoluto dei Subsonica. Video più che inquietante, per me che sono molto impressionabile, ma riconosco che la fotografia è spettacolare.







Godetene tutti!
L'elefante (AKA Conferme)



Stasera ho capito perché ho buttato nel cesso quindici anni di amicizia con una persona: non è più quello che ho conosciuto.



Certo, in quindici anni si cambia, e fesso è chi non lo fa; pure io mi sono rivoltato come un calzino più volte, con risultati alterni, e nel complesso credo di essere un uomo migliore di allora.

Però non posso tollerare che la persona sensibile ed attenta che conoscevo si sia trasformata in un elefante che travolge tutto e tutti, sorvolando sui problemi dei suoi amici, "steccando" così clamorosamente gli interventi e facendosi le seghe sulla sua stessa curiosità culturale.



Ho sofferto molto, moltissimo per la perdita. Ma ora ho la certezza di aver smesso.
febbraio 12, 2011 febbraio 12, 2011
BASTA COL BIANCO E NERO!







Inizio per la prima volta a colorare la mia vita.
Merda!







Ho chiuso il mio account Facebook. Evviva!
febbraio 08, 2011 febbraio 08, 2011
Un doppio salto negli Anni Ottanta



1- Esterno notte. Sono le 22 e c'è una ragazza che cammina a passo spedito sul marciapiede di fronte, con una busta dell'immondizia. In senso opposto arriva un 30-35enne vestito tutto di nero.

Lui si ferma davanti a lei: "Ci possiamo conoscere?"

Lei: "No."

Lui: "Ma nemmeno un bacetto?"

Lei: "Ma vallo a dare a quelli di casa tua!" e si allontana verso i bidoni.



Non accorgendosi che ne ha appena incontrato uno.



2- Esterno notte. Tornando dal consueto giro notturno, alle 2 di notte mi fermo davanti ad un distributore automatico di sigarette. Arrivo e trovo un ometto lercio e riccio di età non quantificabile (27 o anche 40 anni) in apparente stato confusionale, che armeggia con la macchinetta. Manca poco che la prende a calci, e allora gli consiglio di riinserire la scheda e di ricominciare l'operazione. "MA LEI HA I SOLDI MIEI!". Ecco, in quel momento preciso, una zaffata di fiatella all'alcool investe il mio viso. Un'altra alitata e mi sarei ubriacato!

Mi tengo a distanza, gli indico le operazioni da fare e... no... attacca bottone! "Sai, la macchinetta non funziona, i soldi finiscono dentro al tabbacchino, I SOLDI MIEI, capito? e non ti dà nemmeno lo scontrino" nel frattempo io compro le mie sigarette in maniera MOLTO veloce "sono andato dal tipo e l'ho gridato perché c'erano dentro al negozio LE MIE DUE EURO, ho sentito il rumore tic tic tic che rotolavano dentro e..." (tutto il discorso per due o tre volte in maniera sempre più dettagliata, fiatella inclusa: m'è sembrato di sentire anche un retrogusto di cotechino e lenticchie di capodanno)

"Scusami"

"Eh..."

"Devo andare a dormire, è molto tardi"

"Pure io"

"Ciao"

"Eh, sta macchinetta puttana, mi sentirà"



Eh, anch'io ne ho incontrato uno.
febbraio 05, 2011 febbraio 05, 2011
Ritualità/1

 

Stai lavorando. Il programma che stai creando ha tutta l’aria che funzionerà, è da stamattina che ci lavori e hai gli occhi a palla. Sei riuscito dopo una lunga trattativa a convincere il cliente che stai servendo, il quale perciò comprerà questa splendida lucidissima auto full optional da ottantamila euro. Guardi l’orologio, sono le 12.34. Stranamente oggi il soffitto ti sembra grigio invece che bianco, e anche il monitor sembra più scuro. Controlli la luminosità e il contrasto dello schermo. Inviti il cliente alla scrivania per i dettagli del contratto, i sorrisi si sprecano. Accanto c’è un panificio che spande l’odore all’interno della tua stanza, del tuo locale… odore di focaccia calda. No, il monitor non va bene, sembra sempre troppo chiaro o troppo scuro. E scruti l’albero di fronte, che ha perso quasi del tutto le foglie: quest’autunno è veramente più caldo del normale. Lui vuol far trasferire l’auto a Bari, lontana decine di chilometri da qui, e ti chiedi perché non può farlo da solo. Guardi l’orologio, sono le 12.46. Trovi carina la tipa del palazzo di fronte, ma non come quella del terzo piano, s’intende. Chiami il call center perché ti dicano loro come fare, o se magari a Bari c’è un’auto identica a questa. Guardi l’orologio, sono le 12.52. L’orologio del PC non è sincronizzato con quello al polso, ci metti pochissimo a cambiare l’orologio di sistema. Però anche il desktop ha bisogno di una sistemata. La sede centrale ti dice di chiamare la concessionaria di Bari. Guardi l’orologio - che profumo! - sono le 12.57. Salvi il file, controlli se i download proseguono, chiudi la porta e scendi al panificio. Fingi di chiamare Bari e rimandi a casa il cliente. L’appuntamento slitta al pomeriggio. Quindi abbassi la saracinesca ed esci a prendere un po’ di focaccia.

Guardi l’orologio, sono le 13.01. “Buongiorno, mi dà mezza ruota di focaccia?” “Per me l’altra metà, grazie.”

 

Ritualità/2

 

Ah, questa chiacchierata ti piace proprio: da troppo tempo non parlavi così a lungo con un amico che sa ascoltare le tue paranoie, i tuoi sfoghi e che sa ridere con te! Guardi l’orologio, sono le 2.13. Ti rimetti il giubbotto in fretta e furia, saluti l’amico e torni a casa.

 

Ritualità/3

 

Giusto alla fine del film doveva scapparti?
febbraio 03, 2011 febbraio 03, 2011
Il Diamante



Mercoledì 26 gennaio 2011, finalmente la partenza per Genova. Una partenza tanto attesa, tanto desiderata, da anni.



Il volo mi lascia un po' sconvolto. Il Boeing 737 Ryanair è stretto come un pollaio a batteria: mi ritrovo sull'ala, con le ginocchia in bocca, il giubbotto troppo ingombrante tra le braccia e fa caldo oltre misura. Mentre sotto di noi l'Italia è completamente ricoperta di nuvole e neve. Hostess e steward condannati a vagare nei corridoi cercando di piazzarti snack improponibili a prezzi da strozzo, profumi, gratta e vinci, orologi, gadget... E alla fine, un ORRENDO jingle che annuncia l'atterraggio riuscito, con l'immancabile applauso pecoreccio. Cominciamo bene, penso.



Appena fuori dall'aeroporto, incontro dal vivo per la prima volta il mio ineffabile amico di sempre. Non so cosa pensare, tranne "ommioddio in che mani mi sono messo". :D



Non sapevo però che la prova più grande doveva arrivare di lì a pochi minuti...



  Il bed & breakfast (ma sarebbe meglio definirlo "bad & coffee")



  Una stanzetta-cubicolo in un gigantesco appartamento in centrolevante, abitato da una donna, sua madre e due cagnetti bercianti.

  La proprietaria cerca di proporre un'amicizia tra me e i cani. Rifiutata prontamente! In subordine, per rendersi simpatica, mi propone di rispondere alle domande di "Chi vuol essere milionario". Cedo per qualche minuto, ma mi rendo conto che potrebbe essere la mia fine. Via, subito in stanza! E al diavolo i cagnetti molesti!

  L'anziana sorride con gli occhi stretti e con la fissità tipica di un mix fatto da demenza fronto-temporale, ipoacusia e dentiera di Michele Cucuzza*. Da sognarla di notte, credetemi!

  E non sarebbe nemmeno l'incubo peggiore, in un appartamento dove il pavimento non vede uno straccio dal 1978, i nemici dell'igiene sono grandi come funghi porcini e i ragni nel bagno ti aprono perfino il rubinetto dell'acqua calda! Al prezzo di 30€ al giorno, quindi, col posto letto, ho ricevuto anche il caffè e due biscotti ogni mattino e la possibilità concreta di contrarre la legionella. Un affare, un affarone!



Genova è meravigliosa, un po' cupa e gelida per tre giorni su cinque, ma quando il cielo decide di illuminare i suoi tesori, allora riesci a vivere come un genovese, sospeso tra monti e mare, tra incantevoli palazzoni liberty e vicoli incorniciati da case scrostate. La sua storia è talmente grandiosa che tornarvi dopo quasi tredici anni è stato come averla lasciata l'altro ieri.



E ai giri con l'amico fraterno si alternano le cene con una coppia di amici (più bimba) della mia città, ormai lì da anni. E quindi Quarto, Boccadasse, Foce, il parco Govi, il Belvedere, la Fiumara, Sampierdarena, Recco, il Porto Antico, il museo del Risorgimento con una delle quattro versioni del celeberrimo "Bacio" di Francesco Hayez... tanti brividi uno dopo l'altro.



E poi Torino. Fino al giorno prima ero assolutamente incerto se andarci... proprio perché avevo attraversato la manifestazione della FIOM-CGIL [io fotografavo tranquillo i telamoni di un palazzo liberty, mi affiancano minacciosi due camalli stagionati e mi fanno "EH NO, NON E' IL CASO!" e io "Eh, scusate, figuriamoci", riponendo la fotocamera diligentemente... O_o] e non sapevo quale fossero gli sviluppi. Non solo, ma c'era anche il pericolo neve! Infine, sabato 29 mi sveglio alle 7, mi lancio a Brignole alle 7.40 senza sapere gli orari, o la va o la spacca! Compro i biglietti A/R per Torino, partenza alle 8.20. Salgo sul treno, mi accomodo e... il treno PARTE alle 8.10!!! AIUTO! DOVE VA? Lo chiedo al controllore che fortunatamente è salito dietro di me... "Va a Milano!". EH? A MILANO? MA IO DEVO ANDARE A TORINO! "Scenda a Principe e prenda il treno dopo". Minchia che spavento. Così faccio, e alla fine arrivo a Porta Nuova, accolto da timidi fiocchi di neve.







Torino è maestosa, enorme, un po' malinconica direi. Beh, non c'è il mare. Non ci potrei mai vivere. Ma è una delle mie dimensioni ideali.

La Mole e l'ascensore panoramico... che figata MOSTRUOSA! Il Museo Egizio, un sogno da quand'ero bambino! Casasonica, il più recente dei miei sogni musicali! Il Po, e un germano reale che vi sguazza!

Dopo sei chilometri a piedi in giro per il centro, torno a Genova FE LI CE!



Infine, una dedica. Al mio grande amico e fratello che mi ha ospitato e sopportato in questi giorni splendidi, al Diamante che gioca a fare il pezzetto di roccia. Grazie per avermi accompagnato, per aver spuntato alcuni aculei e grazie per non aver rinunciato all'irrinunciabile.







Ti voglio bene e te ne vorrò sempre.







* Da "Il mondo di Quark" (leggerlo con il sottofondo dell'Aria sulla quarta corda di Bach): uno degli effetti della demenza fronto-temporale è la perdita del senso del pudore, la disinibizione. Quindi il sorriso della vecchietta era fisso e cupido al punto che non sapevo se voleva mettersi nuda, se non mi capiva o se aveva la dentiera incastrata.
febbraio 02, 2011 febbraio 02, 2011
gennaio 24, 2011 gennaio 24, 2011
Ancora non ci credo!



Cinque giorni senza sentir parlare di calcio. Ritemprerò le mie orecchie e i miei due neuroni.
gennaio 12, 2011 gennaio 12, 2011
Delurking day (ché io sono uno alla moda!)



Giovani, fanciulli, cantori, donne, uomini, pervertiti, parcheggiatori abusivi, vecchie, bionde, bruni, ipertricotici, cuoche, divoratori di emozioni, ricchi, poveri e mezzani, e tutti gli altri normali ed anormali...



...se state leggendo, LASCIATE UN COMMENDO!







Sennò vi viene la diarrea a spruzzo e un brufolo sotto le palpebre!
gennaio 07, 2011 gennaio 07, 2011
Spinoza.it mi fa ridere



(Il mio primo post dell'anno è un'autocit.)




I format sono nocivi. Appiattiscono e sviliscono l’iniziativa personale e la creatività; raccolgono, sminuzzano, ricompongono le eccellenze fino a farle diventare omogeneizzate. Sì, proprio come le pappine delle quali non si riconoscono più gli ingredienti.



La commercializzazione è nociva. Dà cinicamente un prezzo a ciò che potrebbe tranquillamente continuare a non averne; regola artificiosamente l’accessibilità delle risorse a seconda del prezzo che si fissa per loro; riempie di messaggi indesiderati lo spazio – fisico, virtuale, televisivo – destinato alla risorsa.



La spettacolarizzazione è nociva. Devia l’attenzione del destinatario verso particolari scabrosi o negletti, quando questa dovrebbe essere indirizzata verso il nocciolo dell’oggetto in questione; provoca accanimento morboso nei confronti di piccole ed insignificanti informazioni di contorno, lasciando sfuggire le grandi potenzialità della risorsa; infine, provoca assuefazione e fa in modo che il destinatario chieda sempre di più e comprenda sempre meno.



Ora. Sia Berlusconi che Spinoza credo rientrino nello spettro della spettacolarizzazione, della commercializzazione e dell’assoggettamento ad un format, rispettivamente per la politica e per la satira e l’umorismo.

E’ importante però dire che il livello di nocività relativa dei due “offendenti” è completamente diverso. Berlusconi è il capo del Governo e con le sue scelte influenza in ogni momento il nostro stile di vita, la quotidianità, la dieta alla quale si sottopone il nostro portafogli. Spinoza… beh… basta non cliccare e non ci fa nulla. Per la serie: “se un albero in Amazzonia cade e noi non lo sentiamo, è mai esistito? è mai caduto?”.